Raccogli anche tu le firme!

Istruzioni per raccogliere le firme

Il modulo per la petizione Inquinamento olfattivo

Il modulo per la petizione Waste Tax

Il modulo per la petizione Rideterminazione C.A.C.

Le 3 petizioni della campagna 

1 – Stop alla “puzza” in città

Il Testo Unico Ambiente D.Lgs. 152/2006 non contiene né la definizione dell’INQUINAMENTO OLFATTIVO, né tantomeno norme per misurare i limiti di tollerabilità e per definire i metodi di campionamento, né le necessarie sanzioni per chi inquina l’aria con esalazioni moleste ed insopportabili a ridosso dei centri urbani.
Gli impianti di trattamento dei rifiuti sono i principali responsabili (dalle discariche agli impianti TMB, dagli impianti biogas a quelli di compostaggio) insieme ai depuratori di acque fognarie, ai grandi allevamenti zootecnici (polli – maiali), agli impianti chimici, alle raffinerie e molti altri impianti molesti.
La petizione propone l’inserimento di norme a modifica del D.Lgs. 152/2006 per definire – caratterizzare – monitorare – sanzionare gli impianti esistenti che superano i previsti valori limite di emissioni odorigene in atmosfera compreso il riesame e la revoca della stessa autorizzazione. Vengono introdotte sia la distanza minima degli impianti molesti dalle abitazioni che lo Studio di Impatto Olfattivo, per autorizzare i nuovi impianti.

 

2 – Fermare gli inceneritori

Il Decreto Legge 133/2014 “Sblocca Italia” art. 35 prevede il potenziamento dei 40 impianti esistenti al Centro-Nord e la costruzione di 12 nuovi inceneritori al Centro-Sud in totale antitesi con l’indirizzo Europea verso il recupero di materia ed il riutilizzo dei beni per la nuova “economia circolare”;

Il Decreto Ministero Sviluppo Economico del 6/7/2012 ancora prevede di incentivare gli inceneritori e gli impianti “ibridi” di combustione di rifiuti con i Certificati Verdi, sebbene questi impianti non producono “energia da fonti rinnovabili” ma per la U.E. sono “impianti di smaltimento”;

La legge 549/1995 ha introdotto la Eco-Tassa per disincentivare il ricorso alle discariche di rifiuti, prevedendone l’importo minimo e massimo del tributo da versare alla Regione secondo un importo approvato ogni anno. L’Eco-Tassa è pagata dai gestori di discariche ma con la Legge 221/2015 è stata estesa anche agli inceneritori senza recupero di energia ma limitando al solo 20% dell’importo, impianti di cui lo Sblocca Italia ha imposto la generale riconversione a recupero di energia.

Essendo il presupposto giuridico quello del disincentivare l’inquinamento ambientale, compresi gli inceneritori, non ha alcun senso non tassare TUTTI gli impianti di incenerimento o meglio TUTTI gli impianti di combustione di rifiuti o loro derivati che inquinano l’aria ed il suolo con emissioni e scarti tossici. La petizione quindi legittimamente include come impianti inquinanti soggetti alla Eco-Tassa gli inceneritori (con o senza recupero di energia), i cementifici e le centrali termo-elettriche che bruciano CDR/CSS, gli impianti che bruciano biogas o fanghi derivati da rifiuti per produzione energetica. La petizione prevede inoltre che il gettito della Eco-Tassa sia devoluta dalle Regioni interamente, e non solo per il 20% oggi previsto, per finanziare progetti di riduzione dei rifiuti, di recupero di materia e di bonifica di siti inquinati.

3 – Più contributi al riciclo

Il Testo Unico Ambiente D.Lgs. 152/2006 all’articolo n. 221 prevede che il CONAI – Consorzio Nazionali Imballaggi si faccia carico solo dei “MAGGIORI ONERI” della raccolta differenziata degli imballaggi che i produttori immettono nell’ambiente e non dei COSTI INTEGRALI di cui la gran parte restano a carico dei Comuni e quindi dei contribuenti.
Questo è in contrasto con il principio successivo – La restituzione di imballaggi usati o di rifiuti di imballaggio, ivi compreso il conferimento di rifiuti in raccolta differenziata, non deve comportare oneri economici per il consumatore.
L’Autorità per la concorrenza, o AntiTrust, ha condotto recentemente una inchiesta che ha appurato che gli stessi produttori associati al CONAI oggi coprono appena il 20% dei costi della raccolta differenziata dei loro imballaggi

http://www.agcm.it/component/joomdoc/allegati-news/IC49_sintesiindagine.pdf/download.html

La petizione prevede che i produttori associati al CONAI si facciano carico dei COSTI INTEGRALI della raccolta differenziata dei loro stessi imballaggi, e che i fondi afferenti al CONAI dalla gestione complessiva vengano utilizzati per il 90% per il sostegno ai Comuni di TUTTE le frazioni differenziate derivate da imballaggi, compresi i rifiuti di imballaggio plastico riportati dal mare sia integri che deteriorati o frammentati (marine litter).

Documenti

La petizione per l'inquinamento olfattivo

La petizione Waste Tax

La petizione per la rideterminazione del CAC

Sostieni il Movimento

Informazioni

Movimento Legge Rifiuti Zero per l’Economia Circolare

Piazza Vittorio Emanuele II n°2 – Roma